Bianco a Firenze insegna scultura ai ciechi

da Alto Adige 19 aprile 2015

BOLZANO. Andrea Bianco, scultore non vedente bolzanino, terrà il primo corso a livello nazionale ed europeo di alta formazione scultorea per non vedenti. Inizierà a luglio e si svolgerà alla Sacred Art School di Firenze.

Un corso al quale tutti potranno assistere per imparare, non solo le tecniche, ma anche ad insegnare ai non vedenti a scolpire.

Ma come è nata l’idea di coinvolgere la Sacred Art School per la formazione dedicata ad una classe di diversamente abili?

«È stata un’idea nata in maniera del tutto spontanea. Avevo sollevato il problema della mancanza di formazione specializzata per persone diversamente abili varie volte. Quando poi mi sono trovato faccia a faccia con Giorgio Fozzati, il direttore di questa scuola prestigiosissima, ho pensato perché non proporgli un corso di scultura per non vedenti».

E così nel giro di un anno, raccolti i pensieri, le idee, i fondi e trovato soprattutto un professore, Antony Visco, che dagli Stati Uniti arriverà in Italia su richiesta di Bianco, il corso è stato messo a punto. «Niente compatimenti, niente piagnistei, le persone private della vista devono vivere la loro vita nella normalità», dice Bianco che all’età di vent’anni, in seguito ad un incidente d’auto, ha perso la vista, per poi riscoprire l’amore per l’arte e soprattutto per la scultura.(i.c)